Approfondimenti Umidità di risalita 2018-04-16T10:42:38+00:00

Approfondimenti e Gallery

Diagnostica della risalita

Dal manuale
“L’umidità di risalita muraria” – Diagnosi e sistemi correttivi
di Marco Argiolas, Maggioli Editore

<<L’attività di diagnostica è fondamentale sia per la comprensione dei fenomeni in atto sulle murature, che per l’individuazione di eventuali esiti di umidità pregressa. Fra le varie indagini possibili, in questa sede prenderemo in esame solo quelle che favoriscono la comprensione dei fenomeni di risalita.

È opportuno precisare che, spesso, vengono effettuate misurazioni più o meno accurate sull’umidità muraria, ma come abbiamo visto nei capitoli precedenti, non necessariamente l’umidità riscontrata è causata dalla risalita. Il fatto che il muro sia umido, non implica automaticamente la presenza di risalita muraria. Bisogna perciò stare attenti a non farsi trarre in inganno dalla fin troppo semplicistica equazione secondo la quale: muro umido = risalita.

Ricordiamo sempre che la risalita è una causa piuttosto rara di umidità, e che quasi sempre è dovuta ad apporti di natura secondaria. La prima diagnosi dovrà essere visiva e sarà utile a comprendere in che modo le manifestazioni più evidenti di umidità, siano classificabili secondo le varie cause possibili. Suggeriamo, almeno nella primissima fase di indagine, di ammettere come possibili tutte le cause di umidità, e di procedere man mano per esclusione.

Perciò la regola sarà quella di considerare possibile qualsiasi causa indistintamente, per poi restringere la ricerca sulla base di quanto riscontrato, tenendo conto anche della probabilità con la quale i vari eventi possano essersi verificati. >>

La risalita muraria può essere: primaria, secondaria, capillare, non capillare. Vediamo le quattro situazioni.

1. Risalita primaria capillare

Essa si verifica quando la base della muratura riceve abbondante acqua liquida, attraverso la superficie orizzontale di appoggio sul terreno. Può verificarsi quando il livello della falda acquifera è molto vicina alla quota del suolo, sia in maniera stabile che periodica. Si tratta di una causa di umidità muraria piuttosto rara, e riguarda generalmente edifici storici non correttamente protetti in orifine dalla risalita, situati in aree dove la falda acquifera è vicina o che può approssimarsi alla quota del terreno.

Più precisamente, ciò avviene quando la base muraria è a contatto della frangia capillare. Solitamente riguarda tutte le murature portanti della costruzione, perché dipende dalla quota dell’acqua proveniente dal suolo.

2. Risalita primaria non capillare

Questa è molto frequente nel caso di edifici storici, dove l’umidità si trasferisce dal terreno alla muratura a causa di un gradiente di concentrazione, da dove è maggiore a dove è minore. Anche in questo caso le murature interessate dal fenomeno sono indistintamente tutte quelle portanti o comunque quelle fondate sul terreno.

3. Risalita secondaria capillare

Si manifesta quando gli apporti d’acqua liquida provengono da fonti diverse, che non attraversano la base muraria a contatto del terreno. Gli esempi più frequenti riguardano gli apporti laterali da acque superficiali disperse che bagnano la base muraria, o perdite da tubazioni e impianti che interessano le pareti oppure al contatto di acqua meteorica diretta o di rimbalzo.

Generalmente riguardano solo le murature interessate da bagnatura diretta, ma non gli altri elementi dell’edificio.

4. Risalita secondaria non capillare

È la situazione più frequente e riguarda tutte quelle cause di apporto di umidità laterale sulle murature non protette, antiche e recenti, provenienti da massetti, pavimenti e da altri elementi costruttivi, comprese le sopraelevazioni del terreno rispetto alla quota d’origine.

In ultimo, ricordiamo che la risalita capillare, primaria o secondaria, ha generalmente dei tempi di evoluzione delle manifestazioni rapide o rapidissime, che evolvono nell’arco di tempo che va da poche ore fino a qualche settimana al massimo dal primo contatto con acqua liquida.

I fronti di risalita sono spesso irregolari e con altezze variabili lungo le pareti, in funzione della provenienza degli apporti.

La risalita non capillare è invece molto più lenta e richiede dei tempi lunghi o lunghissimi per manifestare i suoi effetti. Nel caso di risalita non capillare di tipo primario, i fenomeni evolvono regolari e di altezza uniforme su tutta la lunghezza delle murature.

Contattaci per un appuntamento

Inviaci un messaggio per prenotare un appuntamento con noi!
Clicca sul pulsante qui a lato e compila il form necessario.

Prenota la diagnosi gratuita